Nozioni di Accessiblità

Quando si parla di accessibilità ai disabili, l’attenzione degli enti gestori tende a concentrarsi principalmente sulla presenza o meno di veicoli attrezzati. In realtà, esistono almeno altri tre aspetti fondamentali che vanno presi in considerazione per garantire una piena fruibilità delle linee di trasporto pubblico: l’accessibilità delle fermate, l’affidabilità delle informazioni messe a disposizione dell’utenza, la formazione del personale per l’uso dei dispositivi per disabili.
Pertanto, i fattori che contribuiscono a rendere una linea automobilistica fruibile dalle persone con disabilità possono essere così riassunti:

1. presenza di veicoli attrezzati per il trasporto di passeggeri disabili
2. accessibilità delle fermate
3. informazioni affidabili sugli orari di passaggio dei mezzi attrezzati
4. formazione del personale per l’uso dei dispositivi per disabili

Vediamo ora in dettaglio questi aspetti.

Veicoli attrezzati per il trasporto di passeggeri disabili
Per essere pienamente fruibili da tutti i passeggeri con disabilità, i veicoli dovrebbero possedere i seguenti requisiti minimi:

1. assenza di gradini all’entrata (pianale ribassato)
2. pedana estraibile per colmare il divario tra entrata e banchina
3. alloggiamenti specifici per carrozzina
4. dispositivi sonori e luminosi di segnalazione delle fermate
5. indicazione ben leggibile, su tutti i lati del veicolo, del numero, nome o destinazione del veicolo

Per ammissione degli stessi enti gestori, alcuni degli allestimenti per disabili presenti sul veicolo, in particolare  le pedane estraibili, possono guastarsi con una certa frequenza. Questo rende raccomandabile una regolare manutenzione di tali dispositivi.
Dai riscontri forniti dall’utenza, emerge come talvolta il personale addetto alla guida dei mezzi non sia adeguatamente preparato per azionare i dispositivi per passeggeri disabili, il che evidenzia la necessità per gli enti gestori di migliorare questo aspetto del processo formativo.

L’accessibilità delle fermate

Per garantire una buona fruibilità di una linea di trasporto pubblico, non è sufficiente la presenza di veicoli attrezzati per passeggeri disabili, ma risulta essenziale la presenza di fermate che, considerando tutte le possibili esigenze degli utenti, dovrebbero rispondere ai seguenti requisiti:

* l’assenza di gradini o presenza di scivoli per accedere alle banchine
* sufficiente larghezza delle banchine, quando esse sono salvagenti inseriti nel mezzo della carreggiata stradale
* altezza della banchina compatibile con quella dell’ingresso dei veicoli
* l’assenza di transenne fisse a pavimento o di altri ostacoli che possono impedire gli spostamenti di una carrozzina
* presenza di percorsi tattili per accedere alle fermate
* la presenza di sedili o di punti d’appoggio
* la presenza di protezione dalle intemperie
* la presenza di informazioni affidabili, chiare e ben leggibili in merito alle prossime fermate e agli orari di passaggio dei mezzi
* la presenza di segnalazioni acustiche e luminose in merito ai veicoli in arrivo

*** tratto dal sito http://www.trasportiaccessibili.org/ita/vademecum/vademecumgestore-urb.html

Garantire l’accessibilità

Come è noto i convogli ferroviari, a confronto degli altri sistemi di trasporto, hanno al loro interno ampi spazi, che consentono di muoversi agevolmente e in totale libertà.
A confronto con gli autobus, di lunghezza 13 o 15 metri massimi (18 se autosnodato), che consentono il trasporto medio di circa 60 passeggeri seduti, una moderna automotrice diesel-elettrica, consente con un unico convoglio di 39 metri il trasporto di oltre 100 persone comodamente sedute, con in aggiunta un posto per il bagaglio.
Inoltre per esigenze legislative, gli ultimi convogli DEVONO garantire l’accessibilità per portatori di handicap, lasciando posti attrezzati per l’ingresso e la sosta delle carrozzelle.
Nelle stazioni rimodernate, addirittura il piano della banchina è coincidente con il piano del vagone interno, in modo tale da ottenere la prefetta transitabilità delle persone portatrici di handicap, che in quasto modo si possono muovere in totale libertà ed autonomia.
A tale esempio citiamo la rinomata Merano-Malles che illustra in questa pagina com’è stato possibile ottenere tutto ciò

Addirittura la provincia di Bolzano ha deciso di erogare i servizi di TPL in modo del tutto gratuito ai portatori di handicap

Moderna concezione di ferrovia: i convogli

SCARICA LE BROCHURE DEI PRODUTTORI  NEI LINK SEGUENTI

Ferrovia Merano-Malles  download
Ferrovia Udine-Cividale download
Ferrovie Nord Milano download
Alstom Ferroviaria: il treno-tram download
Alstom: sistemi chiavi in mano download


disclaimer
tutte le informazioni contenute in questa pagina non sono a scopo nè pubblicitario nè a fini di lucro, ma soltanto informativo.
Sono state citate tutte le fonti, i link  e i siti di provenienza.

Commenti su Facebook

commenti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *