La linea

 

DATI TECNICI

Km totali = 48,750
Linea Fano-Urbino a semplice binario
Velocità di esercizio:
– Rango A
Fano-Fossombrone 50; Fossombrone-Fermignano-Urbino 70;
– Rango B
Fano-Fossombrone 60; Fossombrone-Urbino 75

STATO DELL’OPERA

La linea (2012) risulta completamente armata e integra per quanto riguarda l’armamento e le opere d’arte (ponti, gallerie, viadotti). Manca invece di tutti gli organi di protezione e regolazione del traffico, da tempo abbandonati a se stessi. Non sono più presenti le barriere ai PL così come tutti i sistemi a cavo. Sono invece intatte le stazioni, i binari di transito e di sosta, le banchine e i fabbricati accessori di stazione. Il collegamento con la linea adriatica risulta ancora integro e funzionale ma non più percorribile a causa della vegetazione spontanea cresciuta sui binari.

La linea è percorribile a tratti per qualche chilometro.

MAPPA

visualizza la mappa interattiva in un’altra finestra

LE STAZIONI

FANO Km 0,000


Stazione in esercizio in quanto fa parte della linea Adriatica.

Nella foto aerea l’uscita della stazione di Fano e l’officina Salcef, ex Vcb (vecchia cooperativa Braccianti, Fano)

RACCORDO CODMA Km. 5,082

E’ il raccordo ferroviario che gestiva il consorzio agrario di Fano (loc. Bellocchi) ora parzialmente rimosso per i lavori della terza corsia dell’A14

CUCCURANO. Km 8+310.



Cuccurano è un piccolo paese, che si trova a pochi chilometri da Fano, ed è la seconda località dopo Rosciano, che si incontra seguendo la strada Flaminia. La stazione è costituita da dei piccoli fabbricati, oltre allo scalo merci; è composta da 2 binari, uno di sosta e l’altro di precedenza.

CARTOCETO (loc. Lucrezia). Km 12.490


La seconda fermata della linea è Lucrezia. Anche qui la stazione, se così si può chiamare, è ad un unico binario con una piccola deviata usata a suo tempo come scalo merci o binario di sosta .

SALTARA (loc. Calcinelli)  Km 18.860


La stazione è costituita da ben due binari, uno di corretto tracciato e uno di sosta, inoltre ad un piccolo scalo merci, come di consuetudine

SERRUNGARINA (loc. Tavernelle) Km 18.860


La particolarità di questa fermata è la sua posizione rispetto alla linea; infatti è l’unica che ritrova in curva; anche questa appare ben conservata, forse è stata affittata da qualcuno, visto il fatto che nel giardino trova spazio un orto, anche ben fornito!

MONTEFELCINO (loc. Ponte degli Alberi)  Km 21.960


Altra stazione “minore”, che si incontra lungo la ss. Flaminia, subito dopo Ponte degli Alberi, dove ha trovato posto (e con successo) un bar; purtroppo la linea in questo tratto è sepolta sotto un fitto strato di rovi. I fabbricati sono invece ben tenuti, in perfetto stato di manutenzione. In questo caso la stazion era costituita da un binario di tracciato e un piccolo scalo merci.

FOSSOMBRONE. Km 26+260


Fossombrone è una ridente località che si incontra seguendo la Flaminia, subito prima della “gola del Furlo”, un interessantissimo luogo dal punto di vista naturalistico, poiché rappresenta oltre a un punto di passaggio forzato della Flaminia, con la galleria fatta costruire dall’imperatore Augusto. Inoltre la gola rappresenta il lavoro di erosione di centinaia di migliaia di anni, compiuto dal torrente Candigliano. Per quanto riguarda la città di Fossombrone, sono presenti numerosissimi palazzi storici, che testimoniano la ricchezza della città in epoca medievale. La stazione conta tre binari, con il solito uso, cioè due per il transito e uno adibito a scalo merci; i fabbricati sono ancora presenti, la stazione è diventata un bar, lo scalo merci adibito a negozio di granaglie e prodotti agricoli.

SAN LAZZARO DI FOSSOMBRONE. Km 29.726 (Fermata)


Più che stazione in questo caso parlerei di vera e propria fermata, visto il fatto che il binario è unico e il casello in lamiera funge sia da stazione che da vero e proprio casello.

CALMAZZO. Km 32.287


La stazioncina di Calmazzo dispondeva di 2 binari e un piccolo scalo merci, servito da un piccolo piano caricatore.
Il marciapiede sul 1° binario era servito da una piccola pensilina.
Ora il fabbricato è affittato, ristrutturato e adibito ad abitazione.

CANAVACCIO. Km 37.400


Un imponente fabbricato viaggiatori, dove trova posto un bar, che stona quasi con l’importanza della stazione, ad un unico binario con associato un piccolo scalo merci. Da notare la bellezza del barricato e la presenza sul lato binari delle mensole per l’alloggiamento dei fili del telegrafo.

FERMIGNANO. Km 41 (circa) – progressiva km 73,77 (da Fabriano)


Qui trova posto un grandioso fabbricato viaggiatori e ben 3 binari. Alla destra della stazione trova posto lo scalo merci e un altro paio di inari. In quella direzione si proseguiva verso Pergola, distante una settantina di km. (di linea ferrata, in realtà in linea d’aria è molto più vicina!) Un tempo erano presenti ben 5 binari, l’officina di manutenzione delle locomotive e la piattaforma girevole (indispensabile per le loco a vapore). Di tutte queste opere non esiste più traccia, demolite nel dopoguerra. Fermignano in altri tempi doveva essere un importante nodo ferroviario per la linea che giungeva da Roma, Fano e quella mai realizzata di Santarcangelo. Ora nella stazione trovano posto dei negozi. E’ curioso il fatto che nel ramo per Urbino, sia i caselli che i cippi chilometrici abbiano mantenuto la vecchia progressiva da Fabriano.

URBINO. Km 47 (circa) progressiva km 79.36 (da Fabriano)


Il capolinea della tratta. Costruita in anni recenti (inizio anni 80) e poco utilizzata. Al piano superiore c’era addirittura il dormitorio FS. Ora al piano terra trova posto un bar.  La stazione si trova ad un passo dalla città Ducale ed il parcheggio è usato tuttora come parcheggio scambiatore auto-bus per raggiungere il centro.